Chuck vs. Axe: lotta all’ultimo sangue (Billions 2)

billions-2In un periodo in cui i western rivisitati in chiave moderna vanno di gran moda, vedi il successone di Westworld, ecco la seconda stagione di una serie che come ambientazione non ha nulla a che fare con i film di Sergio Leone ma che sì, richiama quel mondo per via del machismo e della lotta all’ultimo sangue fra i due protagonisti. Come ha detto Paul Giamatti in un’intervista: “Dentro Billions c’è talmente tanto testosterone che rischiamo di inciampare nei nostri piselli”.

La versione di Axe è più o meno questa: “Un miliardario è come una donna con un bel paio di tette, quando entra in una stanza sa bene cosa guardano e cosa vogliono gli altri. Io pago milioni fra tasse e beneficienza: cos’ho fatto di male a parte diventare ricco?”. Chuck la vede in maniera un po’ diversa. “Faccio il procuratore, il mio dovere è cacciare i criminali e tu sei un criminale. Ricorda: l’unico nemico più pericoloso di un uomo con risorse illimitate è un uomo che non ha niente da perdere”.

Bobby Axelrod (l’attore è Damian Lewis il roscio Brody di Homeland) è il proprietario di un fondo speculativo, un self made man che vive in un villone con super piscina negli Hamptons e quando vuole andare al concerto dei Metallica carica gli amici sul suo jet privato e li porta nel privé. Sposato, moglie bionda e bellissima, due figli. Un miliardario spregiudicato, miracolosamente sopravvissuto all’11 settembre, che veste come uno startupper della Silicon Valley: jeans, felpa con il cappuccio e chiodo.

billions_s01_img02

Giamatti aka Chuck Rhoades è il suo alter ego in doppiopetto. Fa il procuratore del distretto sud di New York, quello che si occupa dei reati finanziari: in carriera ha vinto 81 casi senza perderne nessuno e ora ha messo nel mirino proprio Axe. Se quello veniva da una famiglia povera, questo vive nell’ombra di un padre ricchissimo. In comune i due hanno però una donna, la mora e conturbante Wendy, che è sposata con Chuck ma lavora come psicologa per Axe Capital.

Come due pugili, nel primo round – la prima stagione – Axe e Chuck si sono annusati e studiati a distanza. I loro ruoli si sono confusi fino a diventare indistinguibili. Chi è il buono e chi il cattivo? Chi è nel giusto e chi nello sbagliato? Il confine è sottile e la scelta fra il procuratore ricco di famiglia col vizietto del sadomaso e lo squalo della finanza che viene dal popolo non è così scontata come potrebbe sembrare.

Soldi, sesso, valori, successo: c’è tutto dentro Billions, la serie tv che sta a Wall Street come House of Cards sta alla Casa Bianca (la seconda stagione andrà in onda dal 20 febbraio su Sky Atlantic). Ma l’aspetto più interessante è entrare nella testa di questi due egomaniaci consumati dall’orgoglio e capire se come nei western vecchia maniera ci sarà un vincitore, oppure se finiranno per distruggersi a vicenda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...